Home Salute La Meditazione: Può Aiutare Il Proprio Benessere?

La Meditazione: Può Aiutare Il Proprio Benessere?

Sentiamo sempre più spesso parlare di meditazione: ne parlano la TV, le riviste e persino nello store del nostro smartphone sono presenti tantissime App dedicate alla meditazione. Se ne parla tanto, eppure quasi sicuramente ancora non ti è chiaro cosa sia davvero la meditazione e come può aiutarti a ritrovare un nuovo benessere.

meditazione

Cos’è la Meditazione

La meditazione è una pratica antichissima che accompagna l’uomo da secoli. Meditare significa principalmente riflettere, pensare ma soprattutto significa avere consapevolezza di sé, del “qui e ora”.

La società odierna ci impone ritmi stressanti e sempre più frenetici. I meeting di lavoro, gli appuntamenti da ricordare, i figli da accompagnare a scuola, il traffico. Questo continuo correre da una parte all’altra, accavallando impegni e pensieri, non fa altro che innalzare in noi i livelli stress e di inquietudine. Ci sentiamo arrabbiati, irrequieti, non riusciamo a mantenere la concentrazione e tutto ciò innesca in noi un circolo vizioso che si autoalimenta, dal quale diventa veramente difficile uscirne.

Lo scopo della meditazione è dunque quello di allontanare i nostri pensieri dal carico quotidiano ponendo invece l’attenzione sulla propria fisicità, concentrandosi su elementi a cui di solito non facciamo caso, come ad esempio il respiro o la posizione del nostro corpo.

I benefici della meditazione

Svuotare la mente per lasciar spazio al dialogo interiore comporta diversi benefici, come dimostrato dagli studi di Jon Kabat-Zinn, medico e scrittore di fama internazionale, noto soprattutto per il suo programma di meditazione MBSR (Mindfulness-Based Stress Reduction) cioè “Riduzione dello Stress attraverso l’Attenta Consapevolezza”.

Una pratica quotidiana e costante della meditazione non solo quindi riduce lo stress, ma si rivela utile nel miglioramento di tantissimi altri aspetti come ad esempio:

  • Miglioramento dell’attività cardiovascolare.
  • Aumento della concentrazione e delle prestazioni a scuola/lavoro.
  • Migliore consapevolezza di sé.
  • Maggiore creatività.

Questi sono solo alcuni degli aspetti del miglioramento psico-fisico legato ad una costante attività di meditazione.

Diversi altri studi praticati dalla Università di Bochum e Monaco hanno poi dimostrato ad esempio come un’intensiva attività di meditazione riuscirebbe anche ad aumentare l’apprendimento senso-motorio, rendendo quindi più acute la capacità sensoriali quali ad esempio il tatto.

Indirettamente, uno stato di benessere ed una maggiore rilassatezza si ripercuotono in una migliore e più sana vita sociale, in cui i rapporti con la nostra famiglia e i nostri amici sono più spontanei e piacevoli. Non dimentichiamo, infine, che è anche possibile raggiungere dei miglioramenti delle prestazioni sessuali ottenendo una nuova complicità col proprio partner.

benefici di una corretta meditazione sono dunque innumerevoli, ma vediamo adesso come fare per avvicinarsi al mondo della meditazione e muovere i primi passi.

Come si fa la meditazione

Affinché la meditazione possa apportare i suoi innumerevoli benefici, bisogna che la pratica sia costante e continua nel tempo. Mediamente, un’attività quotidiana di meditazione della durata di 15 minuti è sufficiente per apportare notevoli miglioramenti al nostro benessere psico-fisico. Se siete alle prime armi e il quarto d’ora vi spaventa, sappiate che, in una prima fase, anche soltanto 5 minuti ben spesi, ogni giorno, vanno benissimo per garantire un inizio di miglioramento e assaporare il piacere della meditazione.

La cosa principale da capire è che la meditazione non è una tecnica ma uno stato della mente. Bisogna saper abbandonare i pensieri del quotidiano e concentrarsi su qualcosa, come ad esempio il proprio respiro. È chiaro che all’inizio, pur cercando di porre l’attenzione sull’aria che entra ed esce dal nostro corpo, inevitabilmente i pensieri di altra natura facciano capolino. La soluzione a questo “problema” consiste nel far scivolare via questi pensieri “esterni” e, appena passati, tornare a concentrarsi su quelli “interni”.

Adottare l’una o l’altra tecnica di meditazione, oppure ancora affidarsi ad una guida soprattutto nella fase iniziale, sono soluzioni che possono aiutarci a capire come raggiungere lo stato di meditazione, ma non rappresentano la meditazione in sé. Saper raggiungere lo stato di meditazione è una consapevolezza interiore che dev’essere sviluppata con l’esercizio quotidiano.

Bisogna mettersi comodi, ad esempio seduti su un cuscino, con le gambe incrociate, chiudere gli occhi e concentrarsi sull’aria che fluisce nel nostro corpo, lasciando fuori o lasciando scivolare via ogni altro tipo di pensiero.

Provatelo ogni giorno per almeno 5 minuti e vi cambierà la vita.

Fonte: rivistalasalute.it